Umido o crocchette? Cosa scegliere per i nostri cani e gatti

di Eleonora Scapin

Le pubblicità televisive sono piene di proposte di crocchette o umido per i cani. Come scegliere allora quello migliore. Si comincia con un problema alla volta: Umido o Crocchetta?

Se si volesse seguire la natura base di un cane o di un gatto, sarebbe da preferire l’umido alla crocchetta. Non si è mai visto un lupo che si procaccia crocchette in giro per la foresta… Tuttavia, questa è una scelta del padrone e anche del cane.

Un problema che però hanno entrambi i tipi di mangimi sono le composizioni: un buon umido deve contenere tra 85% e il 98% di proteine, ma la cosa importante è che queste proteine devono essere digeribili: la cartilagine è formata da proteine, ma non è digeribile come un petto di pollo. I dubbi più grandi però sorgono con le crocchette. Quali sono quelle migliori? Faranno bene al cane? Meglio grandi o piccole? La prima cosa che si deve fare è scegliere quelle adatte alla taglia del proprio animale e all’età. Le crocchette da cucciolo contengono più grassi di quelle per il cane adulto e quelle per il cane anziano ne hanno decisamente meno rispetto a quelle del cucciolo, perché i primi tendono ad ingrassare molto facilmente. La seconda cosa da fare è guardare la composizione. Come sui cibi umani, gli ingredienti vengono messi in base alla % di presenza nell’alimento. Nei cibi per animali accade lo stesso. A volte i produttori inseriscono anche le percentuali. Se come primo ingrediente ci sono i cereali o qualsiasi cosa che non è proteina, vuol dire che non sono delle buone crocchette. Se si danno quelle al cane o al gatto, sarebbe come se una persona che non può mangiare carboidrati perché la fa ingrassare, mangiasse due o tre volte al giorno un piatto di pasta.

I cereali possono essere al secondo posto ma non al primo. Nei gatti questa cosa deve essere seguita bene perché a differenza dei cani che sono onnivori, il gatto è per un carnivoro. Altra cosa che si deve guardare è la grandezza della crocchetta. Se il cane è un’aspirapolvere nato che ha fatto dell’effetto risucchio uno sport, è il caso che il proprietario di munisca di crocchette di grandi dimensioni, cosicché il cane sia costretto a masticarle. La masticazione per qualsiasi animale, compreso l’uomo, è importantissima per avere una buona digestione dell’alimento.
Queste piccole attenzioni faranno in modo che il cane non ingrassi sotto gli occhi del padrone come se fosse un palloncino ad aria. Sia chiaro che comunque l’alimentazione non basta. È necessario che il cane si muova, anche fino a stramazzare al suolo, così i divani di casa o le ciabatte preferite, non saranno oggetto di attacchi a sorpresa.
Nel caso l’animale di casa abbia già problemi di peso, ci si può far supportare da un veterinario nutrizionista, il quale dispone di tute le conoscenze per fare in modo che il cane o il gatto di proprietà si sgonfi in maniera sana. Questa figura può aiutare anche il proprietario che decide di far seguire la dieta BARF al proprio cane.

Per chi non ne fosse a conoscenza, questo tipo di dieta prevede che l’animale mangi carne, verdure e pochi altri cibi al loro stadio naturale, senza la lavorazione da parte delle industrie per farli diventare cibo umido o crocchetta. Questo tipo di dieta però necessita assolutamente di un veterinario nutrizionista, perché nonostante alcune crocchette siano disgustose sotto tutti i punti di vista, sono comunque bilanciate da punto di vista dei sali minerali necessari per l’animale, caratteristica che una dieta BARF non seguita ne è sprovvista. Se non si è supportati da un veterinario si rischia che l’animale incorra in patologie nutrizionali.
Scegliere bene il cibo farà sì che il cane o il gatto di casa, oltre ad avere un pelo più bello senza sforzo, abbia le energie necessarie per giocare e divertirsi senza freni col proprio padrone. Una sana alimentazione è il regalo più bello che si possa fare al proprio animale.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*